www.fiemmeantica.com

LA STUFA AD ACCUMULO

scarica il testo in pdf

stufaNessun altro sistema di riscaldamento può vantare una tradizione così ricca come la stufa in ceramica; sana, bella, economica, pratica e romantica sono solo alcune delle espressioni che ognuno accomuna ad essa.

La stufa in ceramica è costituita da un rivestimento in ceramica e da una costruzione interna in materiale refrattario. Tale materiale refrattario ha la funzione di accumulare quanta più energia termica possibile dalla combustione della legna e dai fumi per poi cederla al rivestimento ceramico che a sua volta lo trasmetterà all’ ambiente per irraggiamento.

Risparmiare energia: con la stufa in ceramica si gode per dodici-diciotto ore di un calore piacevole con una procedura di riscaldamento molto breve.

Come, dove, perché. La stufa in ceramica se ben collocata nel vostro appartamento è una valida alternativa all’ impianto di riscaldamento tradizionale: la valutazione della necessità di calore e dimensionamento della stufa sono fondamentali per ottenere questo risultato. Sarà poi la scelta dei materiali e la maestria del professionista che renderà la costruzione una vera e propria opera d’ arte.

Progettata su misura in base ad ogni esigenza tecnica e stilistica, ogni stufa in ceramica è un pezzo unico e personalizzato: da non sottovalutare però sono le esigenze costruttive, come la portata del solaio adeguata al peso considerevole della costruzione e la presenza di una canna fumaria anch’essa adeguata allo smaltimento dei fumi che la stufa richiede.

USO DELLA STUFA

La stufa in ceramica viene caricata una o due volte al giorno: una sola volta nei periodi meno freddi, due volte con intervalli di carica di dodici ore nei periodi più freddi per avere una maggior resa ed omogeneità di riscaldamento.
La carica, espressa in Kg di legna, viene “caricata” nella camera di combustione tutta in una volta ed accesa: a questo punto ha inizio la combustione che mediamente dura dai 30 ai 90 minuti. Solamente a combustione finita possiamo chiudere lo sportello ermetico della stufa, dando così inizio al periodo di rilascio del calore accumulato durante la fase di combustione.
Se si ripete questo ciclo ogni dodici ore, si otterrà il massimo rendimento della stufa.
Il presupposto più importante per un riscaldamento economico è l’utilizzazione completa dell’energia contenuta nel combustibile. L’utilizzazione completa dell’energia presuppone una combustione completa. Una combustione completa ha bisogno di molta aria. Questa grande quantità di aria in entrata deve anche poter uscire. Di conseguenza molto calore va perduto attraverso il camino. Se si vuole evitare questa perdita di energia e si limita la portata d’aria in entrata si ha una cattiva combustione. Una cattiva e strozzata combustione significa un’incompleta utilizzazione dell’energia e un maggiore carico negativo nell’ambiente.

www.assocosma.org